Istituto Ricci HomePage

 

 

Progetto PsiPed
Studio prospettico storico in un gruppo di bambini
riferiti ad un Centro Pediatrico di Igiene Mentale:
follow-up di mortalit´┐Ż e morbilit´┐Ż psichiatrica in et´┐Ż adulta

Diapositive della presentazione

Bench´┐Ż esistano studi di esito di specifici disturbi mentali dell´┐Żinfanzia, le informazioni disponibili circa i precursori infantili dei disturbi mentali dell´┐Żadulto rimangono scarse.

Negli ultimi decenni ha prevalso un orientamento evoluzionistico che sostiene l´┐Żipotesi unitaria, secondo la quale esiste una continuit´┐Ż tra i disturbi psichici dell´┐Żet´┐Ż infantile, dell´┐Żadolescenza, e dell´┐Żet´┐Ż adulta, che si esprimono con quadri differenti a seconda del grado di sviluppo della mente.

Nel tentativo di contribuire ad indagare sul rapporto di continuit´┐Ż nelle diverse fasi della vita fra manifestazioni psicopatologiche apparentemente diverse ´┐Ż stato avviato questo studio, finanziato dall´┐ŻIstituto Superiore di Sanit´┐Ż, nell´┐Żambito del Progetto Nazionale per la Salute Mentale, al quale partecipano alcuni componenti di questo Istituto.

Si tratta di uno studio longitudinale prospettico-storico svolto con metodiche di record-linkage in collaborazione con l´┐ŻAgenzia di Sanit´┐Ż Pubblica della Regione Lazio; viene considerata prospetticamente una coorte di bambini attraverso l'eventuale riscontro di patologie psichiatriche in et´┐Ż adulta. L'ipotesi allo studio intende verificare se i bambini che manifestano disturbi psicoaffettivi dell'et´┐Ż evolutiva siano a maggior rischio per la successiva comparsa di una sintomatologia psichiatrica conclamata.

Una coorte di bambini e adolescenti selezionati fra tutti coloro che erano stati riferiti tra il 1970 e il 1985 a un servizio ambulatoriale di igiene mentale di una clinica pediatrica universitaria (N=6.241) sar´┐Ż seguita a partire dal 01/01/1995 e per coloro che hanno raggiunto il 18mo anno di et´┐Ż per quanto riguarda i seguenti eventi occorsi nell'ambito della regione Lazio:

  • Trattamenti presso strutture psichiatriche pubbliche ambulatoriali;
  • Trattamenti presso strutture pubbliche riabilitative residenziali e non;
  • Ricoveri presso reparti psichiatrici pubblici e privati della regione;
  • Trattamenti presso strutture pubbliche di assistenza ai tossicodipendenti;
  • Morte prematura.

Tutti i casi considerati sono stati riferiti al Centro di Igiene Mentale della Clinica Pediatrica, Universit´┐Ż di Roma "La Sapienza", nel periodo compreso tra il 1´┐Ż Gennaio 1970 e il 31 Dicembre 1985. La durata totale del follow-up ´┐Ż compresa tra 10 e 28 anni. I criteri di inclusione nella coorte sono:

  • Residenza nella regione Lazio al momento dell'osservazione;
  • Et´┐Ż maggiore o uguale a 18 anni al 1 ´┐Ż gennaio 1995

Caratteristica della coorte ´┐Ż un elevato numero di bambini in et´┐Ż prescolare (circa il 45%). Dei casi considerati, il 60% erano maschi ed il 40% femmine; oltre il 95% del totale aveva un'et´┐Ż compresa fra 6 mesi e 12 anni al momento dell'osservazione (media 6 anni e 8 mesi; mediana 6 anni e 6 mesi). La stima del rischio di sviluppare una patologia di rilevanza psichiatrica associata alla presenza di disturbi psicoaffettivi nell'infanzia sar´┐Ż effettuata attraverso il confronto dei tassi di prevalenza di disturbi psichiatrici (intesi come trattamento avviato in struttura ambulatoriale o ricovero in reparto psichiatrico pubblico) rilevati nel gruppo in esame, rispetto al gruppo di controllo. Sar´┐Ż considerato quale elemento probante l'esistenza di un contatto presso un Dipartimento di Salute Mentale della Regione Lazio, o la dimissione da un reparto psichiatrico pubblico o privato della stessa regione nel periodo compreso fra il 01/01/95 e il 31/12/99. Il rischio sar´┐Ż analizzato tramite linkage con quattro diversi sistemi informativi regionali, tutti attualmente gestiti dall'Osservatorio Epidemiologico (ora Agenzia di Sanit´┐Ż Pubblica) della Regione Lazio:

  • Sistema Informativo Ospedaliero (SIO)
  • Sistema Informativo per i Servizi Psichiatrici (SISP)
  • Registro Nominativo delle Cause di Morte (RENCAM)
  • Sistema Informativo per le Tossicodipendenze

Il periodo prescelto (1995-1999) risponde a requisiti di affidabilit´┐Ż e disponibilit´┐Ż dei sistemi informativi citati. Qualora i risultati si dimostrassero significativi, si proceder´┐Ż all'analisi delle singole cartelle di casi aggregati per raggruppamento diagnostico per evidenziare eventuali fattori protettivi e fattori di rischio nei due gruppi (gruppo con follow-up positivo rispetto a gruppo con follow-up negativo).

Diapositive della presentazione

Potete partecipare a questa sezione inviando un vostro parere, commento o contributo a questo indirizzo, o intervenire nel Forum di discussione. E` gradita la segnalazione di servizi che si occupano in modo specifico di quest'area tematica

Torna all'inizio